">
home
the home of antique clocks
 
 
homeastrarioplanetarioregolatori8 giorni30 oreorologi solari
Replica Orologio Notturno (53)

Per i dettagli ed un resoconto riguardani la costruzione di questo orologio, vi invito a visitare la pagina del mio forum

An account on the building of this clock is available here in my forum ( Italian language but there are a lot of pictures)


Perchè non un "notturno" ?

Quesa è la domanda che ci eravamo posti con un paio di amici, Daniele e Guido, quando si doveva decidere quale tipo di orologio costruire in occasione del 10°anniverario della nascita del mio forum PENDOLERIA.COM

Daniele , particolarmente interessato agli orologi notturni suggerì di costruirne uno di questo tipo....e così la nostra scelta fu per una replica di un orologio costruito dai Fratelli Campani nel 1655 per papa Alessandro VII.

La nostra replica dell'orologio notturno

Non avendo, né io né i miei amici, mai visto dal vero un orologio notturno, la prima cosa che abbiamo ritenuto necessaria fare è stata quella di ricercare la maggiore documentazione possibile.

Su internet , a prescindere da un paio di siti, non è stato possibile trovare niente e quindi abbiamo dovuto cercare di capire lo stato delle cose osservando le poche foto disponibili e qualche informazione trovata sui libri

Sintetizzando, Giuseppe Campani aveva reso silenzioso il suo orologio semplicemente eliminando la ruota di scappamento e la sua ancoretta.

Il treno di ingranaggi quindi si muoveva continuamente ( a differenza dei normali orologi in cui esso si ferma fra un tic ed un tac) e terminava con un sistema di biella e manovella che conferiva il moto al pendolo la continuità della cui oscillazione era garantita anche dalla presenza di un volano .

Per garantire una adeguata durata del

funzionamento dell'orologio , il barilleto era provvisto di una lunghissima molla di carica: io, che mi sono occupato della costruzione del movimento , ho dovuto inserirne una della lunghezza di circa 9 metri.

La ruota grande compiva un giro in due ore : essa dava il moto, attraverso una serie di ingranaggi, ad un disco con dieci lati che, a sua volta, trascinava una catena composta da 12 cartigli su ciascuno dei quali era traforata una delle 12 cifre usuali di un normale orologio.

Nell'arco di tempo di una ora, un cartiglio ( visibile attraverso una finestrella praticata su un disco solidale con il disco con 10 lati) si muoveva dall'estrema sinistra della finestra semicircolare passando sotto i vari "quarti" ( I,II e III) e rendendo così possibile la lettura dell'ora e dei minuti.

Una volta che il cartiglio raggiungeva l'estremità di destra e quindi terminava quella determinata ora, esso scompariva e lasciava il posto alla lettura dell'ora successiva sul nuovo cartiglio che compariva a sinistra.

Spero, con queste mie poche parole di essere stato capace di spiegare quel susseguirsi di eventi che in apparenza sembrano essere molto complicati ma che in verità sono molto semplici nella loro ingegnosità.

La costruzione del movimento è stata alquanto laboriosa e difficile in quanto non ci sono delle convenzionali platine dove i fori per i pivot degli assi vengono creati accoppiando le platine stesse e soprattutto perché mancando disegni costruttivi o di riferimento ciascun componente doveva essere pensato immaginando quello con il quale esso avrebbe dovuto interagire.


visione notturna delle ore

Daniele si era offerto a costruire la cassa del nostro orologio. Così, una volta terminato di realizzare il movimento glielo ho inviato e lui da ottimo falegname quale è, ed ispirandosi a modelli già esistenti, ne ha fabbricata una a mio avviso veramente bella .

Per completare l'orologio mancava solo la "mostra", ovvero il dipinto che abbellisce la parte anteriore della cassa.
Estimatore di Michelangelo Merisi, più conosciuto come "il Caravaggio", non ho resistito alla tentazione di chiedere a Guido di provare a comporre sul foglio di ottone che costituisce il "quadrante" dell'orologio un incantevole quadro pieno di spiritualità e quindi adatto ad un oggetto che era destinato a delle sale papali: La crocifissione di San Pietro.

Credo di poter dire che la bravura con la quale Guido ha portato a termine il suo compito avrebbe potuto suscitare un commento positivo anche da parte del Caravaggio stesso….

Durante la notte veniva acceso un lumino che era posto internamente alla cassa. La luce emessa, attraversando i cartigli con le ore e le altre parti traforate del quadrante, consentiva la lettura dell'ora anche al buio.

Ho sagomato la parte esterna del camino che raccoglie i fumi del lumino come il fumaiolo che viene utilizzato dal Concistoro per comunicare, con una fumata bianca o nera , l'avvenuta o no elezione del Papa.

Sono estremamente soddisfatto pensando al fatto che il X anniversario del mio forum sia stata l'occasione perché tre appassionati che non hanno mai avuto modo di incontrarsi e neanche di conoscersi personalmente abbiano messo assieme le loro esperienze tramite internet per realizzare un orologio che spero possa finire in un Museo.


Per altre immagini di questa replica di orologio notturno, cliccate qua

click here for more pictures


tutti i miei orologi

 
| home | astrario | planetario | regolatori | 8 giorni | 30 ore | orologi solari | laboratorio | revisionare una pendoletta |
| note sulla teoria | tabelle |cookie policy| about me | in vendita | locomotive | orologio di legno | contattatemi
|
E' vietata la riproduzione parziale o totale di questo sito con le seguenti eccezzioni. Il sito può essere scaricato su disco fisso e stampato per uso personale ma senza alcuna alterazione; dovrà peraltro essere stampata su ciascuna copia questa notizia di copiright e l'URL del sito . Le pagine e le immagini che compongono il sito non possono essere incluse in nessun lavoro o pubblicazione, distribuite o copiate con fini commerciali senza l'esplicito consenso dell'autore.